UNIVERSITA' IN DECLINO: INDAGINE SUGLI ATENEI DA NORD A SUD

Data: 
Giovedì, 12 Maggio, 2016 - da 08:45 a 10:45
Luogo: 
AN Facoltà Economia
Nota luogo: 
Aula A
Fuori cartellone

Giovedi 12 Maggio alle ore 8.45 in aula A presso la Facoltà di Economia, piazzale Martelli 8 Ancona si terrà la lezione del Prof. Gianfranco Viesti che presenterà una fotografia dell’attuale università italiana dopo anni di continui tagli ai finanziamenti per l’università. L'obiettivo dell'appuntamento è quello di destare l'attenzione sui cambiamenti in corso dell'università italiana. Il prof. Viesti ha coordinato una ricerca nazionale finanziata da RES sul sistema universitario nazionale, pubblicata da Donzelli nel 2016 con il titolo "Università in declino"

Il programma:

Presentazione: Sauro Longhi, Rettore  
Lezione di Gianfranco Viesti, ordinario di economia Università di Bari
Commenti dei proff. Ugo Ascoli e Carlo Carboni, ordinari di Sociologia economica

Il tema dell’istruzione e della formazione di capitale umano qualificato è sempre più riconosciuto come fattore cruciale per uno sviluppo economico solido e capace di coesione sociale. Dopo aver già analizzato il tema dell’istruzione secondaria (2015), la Fondazione Res dedica il suo Rapporto annuale all’istruzione universitaria nel nostro paese: le iscrizioni, le carriere e i servizi per gli studenti, l’offerta didattica e la qualità della ricerca, il trasferimento tecnologico e il contributo allo sviluppo economico dei territori, le modalità di finanziamento sono solo alcuni degli aspetti affrontati nel volume. Ne emerge l’immagine di un’università in declino, con un peso e un ruolo fortemente ridimensionati rispetto a quanto accade nel resto dei paesi avanzati. In controtendenza rispetto agli altri contesti nazionali, in particolare in Europa, l’Italia ha visto sensibilmente calare gli studenti iscritti e i laureati. Si è inoltre ridotto il numero dei docenti ed è diminuito vistosamente l’impegno finanziario pubblico. Se è vero che il declino dell’università è una questione nazionale, non vi è dubbio tuttavia che una serie di fenomeni preoccupanti si concentra maggiormente al Sud, dove si acuiscono le distanze rispetto al Nord del paese. Si tratta di un «nuovo divario», perché, a differenza di altri fenomeni economici e sociali, esso prende forma soprattutto a partire dagli anni settanta, con il passaggio dall’università d’élite a quella di massa; e si rafforza notevolmente nel periodo più recente. Il volume curato da Gianfranco Viesti e realizzato con il contributo di ricercatori appartenenti a diverse istituzioni, analizza a fondo queste tendenze, indaga sulle cause e sui processi che ne hanno prodotto gli esiti e ne valuta le implicazioni per politiche più efficaci e consapevoli.

Una sintesi del libro di Viesti a questo indirizzo:http://profgviesti.it/wp-content/uploads/2013/04/wp_RES_n_1_15.pdf